BOCCONI DI STORIA: La battaglia di “Babele”

🇬🇧 For the English version click here.

La cittadina di Karansebes, odierna Caransebeș in Romania, sorgeva vicino al fiume Timis. Circondata da montagne era di grande importanza strategica per avere una testa di ponte verso i territori dell’Impero ottomano nella guerra turco-austriaca (1788-1791). Il 21 settembre 1788 l’esercito di Giuseppe II, imperatore dell’allora ancora Sacro Romano Impero, forte di 100.000 uomini, si rifugiava nelle vicinanze del forte aspettando l’avanzata turca. Una compagnia di ussari (unità di cavalleria leggera) veniva mandata in avanscoperta mentre il resto dell’esercito allestiva il campo.

Poche ore più tardi gli ussari trovavano una carovana di zingari, che per paura di essere attaccati decidevano di prendere l’iniziativa e di ingraziarsi i soldati regalando loro dell’acquavite. Nel frattempo gli ufficiali austriaci, non vedendo tornare la cavalleria, mandavano in perlustrazione una compagnia di fanti romeni. Dopo poco le due compagnie si incontravano e poi si scontravano per le ultime botti di acquavite, con gli ussari che erigevano barricate improvvisate mentre i soldati romeni urlavano: “I Turchi, i Turchi” per spaventare la cavalleria e farli fuggire. Nella confusione generale partiva però un colpo di fucile: ciò dava inizio a uno scontro vero e proprio tra compagni d’arme.

Frattanto gli ufficiali austriaci, allarmati dai colpi di fucile, accorrevano verso gli spari mentre gridavano: “Halt, Halt”; urla che venivano però interpretate come: “Allah, Allah”. Convinti di essere adesso veramente sotto attacco, i soldati iniziavano a combattere con più intensità, tanto che dall’accampamento austriaco partivano colpi di artiglieria verso il “campo di battaglia”. I cavalli spaventati dal rumore cominciavano a correre imbizzarriti all’interno del forte, creando l’illusione di un attacco a sorpresa da parte della cavalleria ottomana. Tra rumore di cavalli alla carica, urla, confusione e complice la barriera linguistica, i soldati iniziavano ad attaccarsi vicendevolmente perché ormai certi della presenza del nemico.

Il conteggio delle vittime non è molto chiaro, l’ipotesi più accreditata parla di circa 1200 morti e di diverse migliaiadi feriti, oltre ad alcuni pezzi di artiglieria distrutti. Giuseppe II decise quindi di ritirarsi benché il suo esercito fosse ancora superiore, poiché gli avvenimenti della notte precedente avevano abbassato notevolmente il morale delle truppe. Due giorni più tardi arrivarono i Turchi, che riconquistarono la fortezza senza sforzo alcuno.

Pubblicato da Pietro Poli

Da Brescia, nato il 27 agosto 1998. Diplomato presso l'Istituto di Istruzione Superiore "Tartaglia-Olivieri", da sempre appassionato di Storia.

Una opinione su "BOCCONI DI STORIA: La battaglia di “Babele”"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...