Russia nucleare

Qual è oggi, a 35 anni dal più catastrofico incidente nucleare nella storia dell’umanità, lo stato dell’atomico civile nella Federazione Russa?

1921-2021

41 colpi di cannone in ognuna delle 4 capitali delle Nazioni costitutive del Regno Unito, 41 colpi di cannone nelle capitali delle Nazioni del Commonwealth. Riecheggiano nelle orecchie dei mesti sudditi i suoni dell’ultimo saluto a Philip Mountbatten, consorte della Sovrana del Regno Unito e Duca di Edimburgo.

Le tensioni Russia-Ucraina

La Federazione Russa sta concentrando truppe e navi militari al confine con l’Ucraina, in un numero mai così imponente dal 2014, anno della crisi che ha irrimediabilmente trasformato la Russia in un mostro agli occhi del mondo occidentale e la Crimea nella sua ventiduesima Repubblica.

START e la strategia nucleare

Viviamo in un mondo in cui sembra che le armi nucleari non abbiano più nulla da dire. Sembra che appartengano a un passato sempre un po’ più lontano. Tuttavia, le armi nucleari sono una componente fondamentale delle relazioni internazionali.

Does Scotland have a right to self-determination?

As distinct from countries like Italy, Spain or the United States, which all have a written Constitution upon which their respective political and legal systems, institutions, rule of law and government are based, the United Kingdom does not have a rigid written document.

Perché la NATO doveva finire

È ovvio che la caduta del Comunismo sovietico e la fine della Guerra Fredda hanno privato l’OTAN del proprio “nemico naturale”: l’Organizzazione era nata nel 1949 con il solo scopo di combattere quel sistema di pensiero e di visione del mondo del quale l’Unione Sovietica era la principale portatrice.

Un viaggio nel deserto: il Sahara Occidentale

Terza e ultima parte della serie dedicata al Sahara Occidentale. Mai come oggi, il pragmatismo della realpolitik è stato così importante.

Un viaggio nel deserto: il Sahara Occidentale

Seconda parte di una serie dedicata al Sahara Occidentale tra il passato, il presente e il futuro. La guerra, il (non) intervento delle Nazioni Unite e il referendum (mancato).